Ricerca Avanzata

€ 100 a € 1.500.000

Altre opzioni di ricerca
abbiamo trovato 0 risultati
I tuoi risultati di ricerca

Bonus mobili 2019

Pubblicato da Paola Candi sopra 12 Marzo 2019
| 0

Confermato il bonus mobili: l’agevolazione sarà prorogata dalla legge di bilancio sino al 31 dicembre 2019, come tutti i bonus per gli interventi sulla casa. Ricordiamo che il bonus mobili, o bonus arredi, consiste nella possibilità di beneficiare di una detrazione dall’Irpef del 50% del costo per l’acquisto di arredi e di grandi elettrodomestici. Perché si possa fruire del bonus, però, è necessario che l’acquisto sia collegato a un intervento di ristrutturazione, o meglio di recupero del patrimonio edilizio, di un immobile residenziale, sino a un tetto massimo di 10.000 euro di spesa. Non si può, dunque, fruire del bonus mobili per arredare l’azienda o l’ufficio, né lo si può fruire se in un’abitazione sono stati effettuati interventi di riqualificazione energetica e non di ristrutturazione.
Inoltre, non tutti i mobili ed i grandi elettrodomestici sono agevolabili, ma sono esclusi i complementi d’arredo e gli elettrodomestici non elencati nell’apposito decreto, assieme a porte, finestre, pavimenti e tende.
Il bonus mobili non può essere fruito in un’unica soluzione, ma in 10 rate annuali di pari importo: ciò vuol dire che se il contribuente, ad esempio, spende 10.000 euro o più per l’acquisto (collegato alla ristrutturazione di un’abitazione) di arredi e grandi elettrodomestici agevolabili, può detrarre dall’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche) 500 euro ogni anno (ossia il 50% di 10.000 euro, tetto massimo di spesa, diviso 10 anni).

Confronta gli elenchi